Il letargo delle ossa

4 Dic

Cranach - Ritratto postumo del dottor Scheyring

Madido di amido
mi doro e mi domando
– mi dimeno non da meno –
domo dame del demonio?

Troppa lena buona pare
non comare ma commiato,
levo i tacchi in forma d’ozio
e mi svoglio d’erba e prato.

Mi dipano senza fretta,
friggo come cotoletta
nelle sere sparse d’olio,
nei mattini di spavento.

Non c’è vento, non c’è aria,
non c’è carne da macello.
Né cervello di pensiero
culatello passeggero.

Vergo i fogli in piroetta,
svelto il gorgo già m’aspetta.
Mi trattengono due rami di robinia,
m’abominia, mi dà pane una sventura.

Sali al bordo del vulcano
e sta’ attenta, parla piano,
che già pronto è il suo lapillo,
già carbonchio è pronta lava
per chi urlava di spavento
nel serpento di fuliggine precoce
che ti cuoce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: