Proemio

I. Canta Crimone la sventurata anguilla

Che sogni desta e leva mandrioni

Dalle paludi di mammelle e spilla

Ciò che scosse Alsazia dopo i tuoni

V. Di ventura alto il capo scosto a benda

Dimora nei vernali omi lioni

Fuggiti dalla piaggia e chiusi in tenda

A dar gratuito scandalo del fatto

Pagando della vita cara ammenda.

X. Fiducia volle che il mio nome astratto

Non fia mai detto ma sol biastimato

Dalle baldracche fiere dietro al gatto

Manciura tema il Golgota slavato

Della tua madre il nome t’è pugnale.

XV. Beato il ricco semina peccato

Con becco a punta e faccia da maiale

Già prodigo fu il regno che mi grava

Vomiterò puré sopra al messale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: