Tag Archives: ugo perri

Rezza e Mastrella introdotti da Ugo Perri

31 Ott

Un divertito e licenzioso Ugo Perri introduce i corti di Flavia Mastrella e Antonio Rezza assieme a loro.

Deprimo mattino

2 Ott

Niki de Sainte Phalle - Half human half angel

Nera era la mattina, gravida di attese e malintesi sopiti in bolle di sogno soffiato. Sveglio nel lago lenzuolo cercava un’uscita, un punto di fuga da cose funeste, da triste figure di carne e di ombra che intorno agitavano lembi e coperte del suo corpo inerte.

Ma il nero perdura, radura di affanni, il nero non cede agli inganni improvvisi e rapito atterra, distrugge e sotterra ogni guizzo di vita, ogni spoglia ferita lenita dal tempo.

Sveglio a dir poco, sveglio per gioco ma verme nel letto, petto alla terra e schiena già in guerra, con l’aria che preme su resti mortali al bordo confuso di un giorno deluso dal primo albeggiare.

Malamora

1 Giu
mirò

Joan Mirò - Chanteur

Ma è ridicolo!

Calabraccia dall’altopiano suino ovest, west n-n, pietosi mi costringono alla resa. Attrappiti malculi, non voglio vederli, sanguinano già di rosso e miele, mi fa ribrezzo il solo masticare. E così tu, dopo trenta e mille giorni d’assedio, mi costringeresti ad una resa vana, di cunei assopiti che non germogliano? Così dopo l’olio bollente e le braccia infuocate, i morsi di sonno e le mani di cera, la lingua friabile e il corpo alla fuga mi lasci peso morto sulle battaglie a dare sale e cenere, a riempire bocche morte di cadaveri inutili, a zigzagare manifesto nell’assolo di un perimetro?
Le generazioni, gli altri e le cose mi sfaldano a sud.
Il tabacco, le piante e l’onnipotenza preme da oriente.
La mia distrazione m’insacca e perdo il momento, l’altissimo sacramento dimane in mano.
Vado in scarni giacimenti dei miei liquidi migliori. Le riserve rimaste, ai posteri!

Grafìa malvista

13 Mar
munch

Edvard Munch - Evening on Karl Johan Street

Spezzami le reni, senza filtro fumo meglio.
La mia candela verde perde tempo a malincuore, ma il rossore timido che dò ai passanti non è scherno velato nè burrino. E’ manfrina dei liquori che si bevono a mattina, crescentina di Piacenza morta sola al primo latte.
Se ne fotte il chiaro d’uovo che rimane a meringar.

47 randomande a Ugo Perri

13 Dic

gioli

Paolo Gioli - Seno

di Mario Pischedda

1. quanto tempo dedichi alla scrittura
la vita

2. soffri del tunnel carpale
soffro di tunnel nei tuffi carpiati dal sogno al letto, il tunnel m’ingabbia e m’accende soffrire nel cuore. come gli occhi bianchi negli anni 90 mentre la mano, frenetica, l’ignora.

3. l’ultimo sogno che hai fatto
una vespa blu nelle steppe sovietiche, un’amante dalla pelle chiara che mi chiedeva i reni in cambio d’una notte d’amore per comprare una stufa a lei e sua madre. io le davo i reni e la notte lei moriva di troppo amore. restavo davanti al calore di un cerino a cuocermi i reni con sua madre, aspettando tempi migliori.

4. il mondo per te
sconquasso di libertà immotivate: libertà di evolvere, di espandersi, di morire, di comandare, di procedere, d’insultare, di sciacquare i panni in Arno, di fare conoscenza nelle fosse comuni, di avere lingue diverse… fortunatamente inutile è l’affanno di chi s’interroga su dio o cerca di differenziare l’escremento che produciamo… la libertà estrema è un soffio atomico… Continua a leggere

insonnia

3 Dic
madonna

Caravaggio - La madonna dei pellegrini

madonna mi madonna
c’è un pianto che m’insonna
un male nel cerino
che brucia transalpino
tra cuore e comodino.